Welcome
Login

Storia Del Campionato Italiano Di Calcio - Stagione 2004-2005 (Racconto)

Your video will begin in 6

Thanks! Share it with your friends!

URL

You disliked this video. Thanks for the feedback!

Sorry, only registred users can create playlists.
URL


Aggiunto by Pluto in Calcio
190 Visto

Descrizione

Storia del Campionato Italiano di Calcio: Racconto della Stagione 2004-2005

Il torneo partì l'11 settembre 2004 e fu il primo dal 1952 con 20 formazioni al via. Tra le novità si registrarono i ritorni nella massima serie, dopo diversi decenni, di Palermo, Messina e Livorno, classificatesi tutte e tre nella parte alta della classifica, oltre a quelli dell'Atalanta, del Cagliari, e della Fiorentina a due anni di distanza dalla caduta in Serie C per fallimento.
L'inizio del torneo vide per protagonista la nuova Juventus di Fabio Capello: già alla seconda giornata i bianconeri balzarono in testa, inseguiti nelle domeniche successive dal terzetto formato dal Milan campione in carica e da Lecce e Messina, con quest'ultimo capace dapprima di violare il Meazza rossonero il 22 settembre, e successivamente di giocarsi il primo posto provvisorio in classifica nello scontro diretto al Delle Alpi alla sesta giornata. Ben presto, però, i milanesi diventarono l'unica antagonista possibile della Juventus, visto anche lo stentato avvio, ricco di pareggi, 12 nelle prime 15 partite, dell'Inter di Roberto Mancini. I rossoneri si presentarono allo scontro diretto di Torino, il 18 dicembre, con quattro punti di svantaggio: i piemontesi uscirono indenni e, il 9 gennaio, poterono incamerare con una giornata d'anticipo il titolo di campione d'inverno.
All'inizio del girone di ritorno il Milan accusò un calo di rendimento, con due sconfitte contro Livorno e Bologna, consentendo alla capolista di portarsi a +8 il 30 gennaio; a partire da quel momento, però, i bianconeri dispersero rapidamente il loro vantaggio, permettendo l'aggancio dei rossoneri il 19 febbraio. Si arrivò così fino allo scontro diretto dell'8 maggio: al Meazza, in un clima simile a quello di uno spareggio, un gol di David Trezeguet su assist di Alessandro Del Piero in rovesciata premiò la Juventus che, con le distrazioni del Milan dovute agli impegni europei, si aggiudicò il tricolore con una giornata d'anticipo, il 20 maggio, senza neppure scendere in campo, visto il pareggio nell'anticipo casalingo rossonero contro il Palermo.
In questo campionato si misero in evidenza le due squadre siciliane, Palermo e Messina, che diedero vita nel finale ad una lotta per l'ultimo posto a disposizione per la partecipazione alla Coppa UEFA, conclusasi con il successo rosanero. Notevole fu anche il cammino dell'Udinese di Luciano Spalletti che, staccando di stretta misura la Sampdoria di Walter Novellino, tagliò il traguardo della qualificazione alla Champions League. Particolare fu anche il campionato del Lecce di Zeman: i salentini chiusero all'undicesimo posto con il secondo miglior attacco del campionato (66 gol fatti, solo uno in meno rispetto alla Juventus vincitrice del torneo) e la peggior difesa (73 reti subite). Si tratta di un record, dato che per la prima volta la squadra con la peggior difesa della Serie A non retrocesse e anzi ottenne la salvezza.
In coda si registrò un'accesa lotta per la salvezza che coinvolse ben tredici squadre, tra cui Roma, Lazio e Parma. In Serie B scesero l'Atalanta, il Brescia ed il Bologna che, per un negativo finale di campionato, perse infine lo spareggio salvezza contro il Parma e lasciò la Serie A dopo nove stagioni consecutive.
A seguito dello scandalo "Calciopoli" del 2006 e delle relative sentenze lo scudetto venne revocato alla Juventus ma non venne assegnato alla seconda classificata, cioè il Milan, perché anche la squadra rossonera era uscita colpevole dall'inchiesta: per cui il campionato 2004-2005 fece la stessa fine di quello 1926-1927, ossia rimase non assegnato.

Posta un commento

Accedi o Registrati per postare commenti.

Commenti

Commenta per primo questo video.
RSS